.
Annunci online

LuceLunare
Ogni STOP è solo un altro START
SOCIETA'
16 settembre 2006
Benvenuti a Peyton Place, Roma
Avete mai letto il libro della Metalious, "Peyton Place", appunto?
Se non l'avete letto, se non avete visto gli sceneggiati o il film che ne hanno tratto, vi farò un sunto.
Provincia del New England, fatti, scheletri nell'armadio, orrori, ipocrisie, incesti e sergreti di una piccola comunità apparentemente integerrima, fra gli anni trenta e gli anni cinquanta.
Ecco.
Il mio quartiere è la versione moderna di Peyton Place.
Qualche giorno fa ero con una mia ex allieva, che quest'anno si diplomerà.
Ci siamo andate a prendere un caffè al centro commerciale del quartiere, una bruttura architettonica che ricorda il Titanic durante l'inabissamento.
Ci siamo sedute su una panchina a chiacchierare, e subito i passanti hanno iniziato ad osservarci. Già, perchè il centro commerciale in questo quartiere è come se fosse la piazza principale di un paesino di mille abitanti.
Ci si conosce tutti, almeno di vista.
E mi son resa conto di quanto è facile finire coi soliti discorsi
"Il gioielliere è un noto ricettatore"
"Quel bar sta aperto anche a natale perchè i cravattari li strozzano" ("cravattaro" a Roma è l'usuraio)
"In quell'altro bar dopo le dieci spacciano coca, li ho visti io tirare tranquillamente sul bancone una sera che sono andata a comprare le sigarette"
"X è diventato eroinomane e tutti gli amici l'hanno allontanato, adesso è in preda al fervore religioso, è totalmente bruciato"
"Y ha messo incinta una e il padre le ha dato dei soldi pur di levarsi dai piedi lei e il bambino"
e cose così.
E' terrificante.
Anche perchè per lo più son cose vere, ma il discorso è un altro:
ce l'abbiamo allora proprio tutti, questa vena malevola di godimento nel vedere le pecche altrui, le brutture altrui, questo voyeurismo perfido?
Eppure siamo a Roma, è una città da sei milioni di abitanti, basta trovarsi fra la gente del quartiere per ritornare paesani?

Ma soprattutto: c'è modo di liberarsi di questa mentalità gretta e meschina o no?



permalink | inviato da il 16/9/2006 alle 21:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Ho appena riletto (con piacere e sofferenza): Michael Ondaatjie - Il paziente Inglese Nick Hornby - Alta Fedeltà Sono: estremamente stressata In più: continuo a perdere oggetti in giro per casa SE PROPRIO VOLETE CONTATTARMI IN PRIVATO potete scrivere a littleluna[at]libero.it Rispondo anche agli insulti, purchè cortesi
 



IL CANNOCCHIALE